05_congelare-interno-vero-che

È vero che congelare i cibi è dannoso?

La risposta è… no! Ma è necessario prendere delle precauzioni.  Vediamo insieme i miti da sfatare e gli errori da non fare!

  1. Surgelamento e congelamento non sono la stessa cosa.

Surgelati e prodotti congelati rientrano ormai nella nostra routine quotidiana, ma occorre specificare che surgelamento e congelamento sono due cose diverse, anche se spesso questi due termini vengono usati in sostituzione l’uno dell’altro. Approfondiamo le differenze principali tra i due processi.

  • Surgelamento: è quel procedimento industriale che, mediante l’utilizzo di macchinari estremamente potenti, porta rapidamente i prodotti a temperature molto basse (fino a -80°).
  • Congelamento: è il processo che avviene ogni volta che riponiamo qualcosa nel freezer di casa. Il classico congelatore integrato nel frigorifero arriva a temperature generalmente comprese fra –6 e –18°C.

La regola generale indica che i fattori maggiormente in grado di influenzare la conservabilità sono rappresentati dal contenuto di acqua e dal tenore di grasso: più ce n’è, e meno il prodotto si conserva. Quindi, nonostante le tecnologie a disposizione e la nostra buona volontà, alcuni cibi proprio non si possono congelare. Quali? Vediamo alcuni esempi:

  • maionese e salse a base di uova;
  • creme; besciamella; budini; uova sode;
  • alcuni tipi di frutta e verdura come pomodori, patate, insalata, mele.
  1. Gli alimenti congelati non hanno scadenza.

Questo è un falso mito da sfatare perché la durata dei cibi dipende dal freezer: solo se la temperatura del freezer raggiunge i -20°/-30° si possono conservare i cibi per più di un mese. Vediamo la durata dei cibi comuni:

    1. in genere i piatti pronti hanno un periodo di conservazione breve (1-3 mesi);
    2. la carne passa da 8 a 12 mesi a seconda del taglio;
    3. il pesce 6-8 mesi;
    4. la frutta, se congelata con zucchero o sciroppo, anche 12 mesi.
  1. Congelando i cibi si uccidono i batteri?

Assolutamente no. Durante il congelamento la vita degli alimenti continua. Certo, è rallentata dal freddo, ma se contenevano batteri quando sono stati messi nel freezer, questi non muoiono. La cottura è l’unico modo per uccidere i batteri eventualmente presenti nei cibi.

  1. Il cibo scongelato non si può ricongelare.

Non è detto: una volta scongelato, il cibo può essere cotto e ricongelato successivamente. Per esempio: se acquistiamo del pesce,possiamo pulirlo e congelarlo. Dopo qualche tempo, si può scongelarlo, cucinarlo e congelarne di nuovo la quantità che ci serve. Questo perché cucinando, si uccidono i batteri.

Se invece si toglie il pesce dal frigo e non lo si cucina, non lo si può ricongelare perché i batteri nel frattempo si sono riattivati e moltiplicati a temperatura ambiente.

  1. La verdura congelata ha gli stessi nutrienti dell’alimento fresco?

Esattamente! Se conservata correttamente, la verdura mantiene vitamine e proprietà nutritive pari all’alimento fresco. Le verdure surgelate, infatti, vengono normalmente congelate entro poco dal momento di raccolta, e per questo possono conservare più nutrienti.

Invece, i principi nutrizionali degli ortaggi freschi iniziano a deteriorarsi dal primo minuto successivo loro alla raccolta.

Questo implica che nel momento in cui arrivano sulle nostre tavole, sono più povere di sostanze benefiche di quanto crediamo.

Per fare il pieno di sostanze nutritive, attenzione alla modalità di cottura